Cerca

#Pandemia Coronavirus: giorno 8

Buongiorno dalla terra del Coronavirus.

Vorrei davvero che fosse un buon giorno, ma non lo è. Quella maledetta curva dei contagi, che tutti noi ogni giorno puntualmente fissiamo sui teleschermi, con la speranza/preghiera che decresca o almeno arresti la sua salita, continua invece a crescere deludendo le nostre aspettative.

La vita chiusi in casa diventa sempre più difficile. Siamo in preda a una tale ansia per quanto sta accadendo intorno a noi, che anche una febbre da virus influenzale "senza corona" e un banale raffreddore ci gettano del panico. Ognuno di noi, negli ultimi giorni, ha accusato a giro tutti i sintomi del Coronavirus, dalla tosse alla mancanza di respiro.

A volte mi ritrovo a fissare la porta di casa, chiedendomi se (una volta finita l'emergenza e la necessità di limitare i contatti sociali) avrò di nuovo il coraggio di oltrepassarla o se comincerò a soffrire di agorafobia.

Questa preoccupazione non tocca, tuttavia, molti dei miei connazionali. In un solo giorno sono partite migliaia di denunce per aver violato i divieti, al punto che il sindaco di un piccolo paesino siciliano, Delia, ha pubblicato un video sul suo profilo Facebook in cui redarguisce i suoi concittadini perché si riuniscono in famiglia per preparare i cartelloni con la scritta: "Andrà tutto bene". "Come può andar tutto bene, se vi riunite perché i cartelloni devono essere belli, se non correvate dalle elementari e ora siete diventati tutti podisti, se vi fate venire la parrucchiera a casa... a che vi serve la piega ai capelli, se dovete rimanere in casa? A che vi serve andare a fare benzina tutti i giorni, se dovete rimanere a casa?" Povero sindaco, non lo invidio per nulla!

Una nota positiva viene da Bono Vox, il cantante degli U2. Ha composto e cantato una nuova canzone "ispirata dagli Italiani" e dedicata a medici e infermieri in prima linea. Il brano si intitola "Let your love be known".

A presto dalla terra del Coronavirus


0 visualizzazioni
  • Facebook Icona sociale