Cerca

#Pandemia Coronavirus: giorno 20

Buongiorno!

Ieri ho litigato con mio marito. E si è trattato di un vero miracolo, visto che è avvenuto dopo ben venti giorni di isolamento in casa! Inoltre, ripensandoci a mente serena, è stato bello. Abbiamo ritrovato un pizzico di normalità in una situazione di emergenza, una situazione che ci ha spaventati al punto tale da non trovare neppure la forza di lamentarsi se lui lascia le briciole sul divano...

Bene, siamo ancora vivi, siamo ancora noi.

Ma il sollievo è durato poco, perché ho pensato alle vittime di violenza domestica, donne e bambini che in questo particolare momento sono anche nell'impossibilità di chiamare il numero verde per denunciare, in quanto perennemente sotto gli occhi dei loro aguzzini. Ho letto che, per questo motivo, è stata creata un'applicazione che si può scaricare sul cellulare e con la quale è possibile chiamare le forze dell'ordine, anche se non si può fare una telefonata.

E, poi, ci sono le persone più fragili, quelle sole o con problemi psichici o di depressione. Quali saranno le conseguenze di questo ulteriore isolamento su di loro? Ieri ho ricevuto la chiamata di un amico... mi ha raccontato di aver sofferto di attacchi di panico in questi giorni. Gli ho consigliato ciò che ho fatto per me stessa, di non farsi inondare dalla valanga di notizie sui morti e sull'epidemia, di staccare la spina, spegnere TV e tutto ciò che ci riporta all'emergenza... leggere un bel libro, fare qualcosa che ci piace.

Una cosa è certa. Mai come adesso è chiaro che non possiamo farcela da soli, che senza la catena della solidarietà e dell'aiuto reciproco non sopravviviamo.

L'umanità sta reagendo in modo variegato.

L'Europa dei ricchi si chiude, mentre la piccola Albania, dal cuore grande, ci manda aiuti. Non ha dimenticato che l'Italia l'ha aiutata in passato.

Negli Stati Uniti hanno costruito in pochi giorni un ospedale da campo in Central Park a New York. Al tempo stesso, molti corrono a comprare armi... come se sparare potesse proteggerli dal virus.

Il Portogallo, invece, ha regolarizzato tutti gli immigrati che ne avevano fatto richiesta per consentire loro di aver accesso al servizio sanitario nazionale a causa dell'emergenza da Coronavirus.

Queste sono le cose che mi fanno sperare. Dopotutto la legge del più forte non sempre garantisce la sopravvivenza. I dinosauri si sono estinti.

27 visualizzazioni
  • Facebook Icona sociale